Nei primi mesi del 2018 diversi insegnanti di educazione fisica hanno affrontato un corso di 24 ore sulla difesa personale

Nelle scorse settimane è terminato un progetto pilota che ha coinvolto le scuole della provincia di Pavia, il cui scopo era appunto portare l’argomento “difesa personale” all’interno delle strutture pavesi. I destinatari finali del corso sono stati gli insegnanti di educazione fisica degli istituti coinvolti, che si sono avvicinati ai concetti della difesa passando attraverso alcune nozioni fisiologiche, di psicologia e di arti marziali cinesi. Sì, perché la parte pratica del corso ha riguardato lo studio del corpo e di come questo possa e debba in alcune circostanze diventare un’arma. Da questo punto di vista il Wing Chun si è rivelato uno strumento eccellente: pratico, semplice e molto diretto, ha permesso anche a chi non aveva dimestichezza con le arti marziali di apprezzare il lavoro mirato in base al programma.

Il corso si è articolato in tre incontri di otto ore ciascuno, che se da un lato hanno messo a dura prova la resistenza e l’attenzione dei partecipanti, dall’altro hanno permesso agli stessi di lavorare in modo continuativo e intenso i vari concetti analizzati. Dalle tecniche percussione, divise in gambe e braccia, passando per lo studio delle proiezioni più semplici, delle leve articolari, fino ad arrivare alle prerogative del Wing Chun, come per esempio l’esercizio del Chi Sao, i docenti hanno affrontato un percorso impegnativo ma ricco di contenuti.

Naturalmente, vista l’importanza dell’evento, è stato dato ampio risalto anche alle tematiche di prevenzione, analizzando gli scenari tratti dal mondo reale e dedicando ampio spazio alle sessioni di domande e risposte.

Il corso si è concluso con l’intervento della Dott.ssa Maria Cristina Meloni, psicoterapeuta e criminologa, che ha illustrato ai partecipanti le difficoltà nell’analisi e gestione di casi di bullismo, spiegando il ruolo fondamentale che l’ambiente familiare gioca nei delicati equilibri quotidiani.

L’iniziativa è stata senza dubbio un successo, con oltre 50 istituti che hanno aderito, inviando i propri docenti di educazione fisica. Un altro passo importante nella diffusione di uno stile di Kung Fu splendido come il Wing Chun!